Emerge una società a due livelli, con meno diritti per i non vaccinati

Perché i Governi li considerano una minaccia?

Mentre le autorità continuano a dire che la vaccinazione contro il Covid-19 non è obbligatoria – almeno, non ancora – cercare di vivere una vita normale senza di essa diventa sempre più difficile. È chiaro che l’ostracizzazione di coloro che non hanno avuto il vaccino è a buon punto. L’anno scorso, in questo periodo, i casi di Covid-19 sono diminuiti in modo significativo senza misure sostanziali, tutto aperto per l’estate e i poteri forti in alcuni paesi hanno permesso che la vita tornasse alla normalità per alcuni mesi, il tutto in assenza di vaccinazione.

Quest’anno, esattamente lo stesso fenomeno osservato nel 2020 viene attribuito all’inoculazione di massa. La narrativa è che questo è ciò che ci sta salvando dal Covid. E ora c’è la pressione per costringere tutti a conformarsi, per timore che vogliano vivere una parvenza di vita normale, a cominciare dai viaggi estivi.

Le opzioni per le vacanze si preannunciano molto diverse, a seconda che tu sia vaccinato o meno. La Francia sta ora esentando dalla quarantena e dai test i viaggiatori vaccinati provenienti dall’Europa e dai paesi a zero Covid. Ma anche i viaggiatori vaccinati dagli Stati Uniti e altrove devono produrre un risultato del test negativo prima del volo, il che fa sorgere la domanda, se il vaccino è così affidabile, perché è necessario eseguire il test?

I viaggiatori non vaccinati al di fuori dell’Europa non possono recarsi in Francia per turismo. E se devono, per un motivo imperativo, all’arrivo viene imposto un test pre e post volo e una quarantena di sette giorni.  

Il Canada attualmente costringe i propri cittadini di ritorno – gli unici viaggiatori per i quali il confine è aperto – alla quarantena in una struttura designata dal governo a spese prepagate del viaggiatore fino a $ 2.000, dove attendono un risultato negativo del test prima di completare i restanti 14 giorni di quarantena a casa. La quarantena in hotel potrebbe essere annullata quest’estate, ma solo per i canadesi di ritorno completamente vaccinati, nonostante il fatto che un gruppo di esperti scientifici abbia consigliato al governo di abbandonare del tutto questa tipologia di quarantena. 

Leggi anche: I SIERI COVID STANNO PORTANDO A PIÙ RICOVERI E INFEZIONI, ECCO LE PROVE

Quindi, viaggiare senza problemi in questi paesi e in altri dipende quasi completamente dalla vaccinazione, anche se questi stessi governi hanno così poca fiducia nel vaccino stesso che richiedono ancora che i viaggiatori vaccinati vengano testati a meno che non provengano da un luogo in cui Il Covid-19 è così raro da essere praticamente inesistente. Ti fa chiedere quale sia il punto delle restrizioni di viaggio basate sui vaccini se sono considerati così scadenti. 

Queste regole riflettono ciò che ci è già stato detto: che il vaccino non previene la malattia o la trasmissione, ma piuttosto riduce la probabilità di contrarre la malattia in modo grave .

Né il vaccino sembra essere sufficiente per consentire alla vita di tornare alle norme pre-pandemia in alcuni luoghi, anche se la stagione annuale del virus volge al termine e l’estate è alle porte. Mentre le piscine e le palestre di alcuni paesi sono tornate alla capacità e all’uso relativamente normali, altri stanno ancora costringendo gli utenti a iscriversi per fasce orarie limitate e nuotare su una corsia e giù per un’altra al fine di mantenere la distanza sociale tra i nuotatori. 

Leggi anche: ANTHONY FAUCI SAPEVA DA MARZO 2020 CHE IN ITALIA IL 99% DEI MORTI COVID AVEVA…

Nel frattempo, alcune università americane e canadesi richiedono la vaccinazione contro il Covid come condizione di partecipazione questo autunno. Perché tutto questo è necessario quando non interrompe la trasmissione e chi è preoccupato di contrarre una forma grave di Covid ha già avuto la possibilità?

Un comitato consultivo medico in Francia raccomanda inoltre che il vaccino sia obbligatorio per alcune professioni rivolte al pubblico e per i bambini delle scuole. Ciò significa effettivamente che tutti gli individui che scelgono di non vaccinarsi, sia perché hanno già un’immunità naturale dalla malattia o pensano che ciò che rischiano dalla malattia non valga i potenziali rischi a lungo termine di un vaccino basato su nuovi, sperimentali tecnologie – si ritroveranno con opzioni limitate.

LEGGI ANCHE:

https://www.databaseitalia.it/adesso-tocca-ai-bambini-anche-in-italia-ma-kennedy-jr-denuncia-casi-di-adolescenti-con-trombosi-negli-usa/

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.