Il definitivo commissariamento dell’Italia

Il piano italiano contiene 53 misure legislative: nove da adottarsi con decreto legge (di cui ben sette entro maggio, una entro giugno 2021 e una entro giugno 2022); 12 con legge delega; una con l’adozione di un decreto legislativo. Un diluvio normativo, le cui linee guida sono già tutte contenute nel piano inviato a Bruxelles, e che offre ben poco spazio di agibilità a qualsiasi futura maggioranza politica. Ormai si fa sempre più nitida la fotografia che vi anticipammo mesi fa: le condizioni a cui dovrà sottostare il nostro Paese – per lasciarsi intermediare dall’Ue nell’accesso ai mercati – implicano il sostanziale azzeramento della potestà legislativa parlamentare. Resterà solo la forma.

Mentre si cerca l’orientamento in questo infernale labirinto, venerdì il Tesoro ha raccolto 6,5 miliardi a cinque e dieci anni con tassi da prefisso telefonico. Tuttavia, nulla pare poter impedire che il nostro Paese finisca definitivamente sotto vincolo esterno.

(dall’articolo di Giuseppe Liturri)

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.