Ritrovato in Brasile legno fossile di 280 milioni di anni fa

Si tratta di una ‘cicade’: la sua anatomia vegetativa è molto simile a quella attuale

Ritrovato in Brasile legno fossile 280 milioni anni fa

 Circa 280 milioni di anni fa, prima dell’arrivo dei dinosauri e poi dei mammiferi, le foglie delle cicadi già abbellivano il paesaggio del supercontinente dell’emisfero meridionale del Gondwana. La conferma arriva dal ritrovamento di un fossile in Brasile che rappresenta, secondo gli scienziati che lo hanno identificato, uno dei primi di questo ordine, considerato molto antico e che è sopravvissuto a due estinzioni di massa.

Grazie a questa scoperta sarà possibile capire di più sulla capacità di resistere negli ambienti di queste piante. Quello che ha colpito i ricercatori, ha raccontato al New York Times il professor Rafael Spiekermann, autore di un articolo che descrive il fossile tra le pagine della rivista scientifica Review of Palaeobotany and Palynology, è che “l’anatomia vegetativa della pianta è notevolmente simile a quelle di oggi. Se si taglia con un machete una cicade, al suo interno si ritrova lo stesso modello anatomico che abbiamo osservato nel fossile”.

Il piccolo pezzo di legno, di poco meno di sette centimetri di diametro e lungo all’incirca 13 centimetri, è stato chiamato Iratinia australis, nome che deriva dal luogo in cui è stato rinvenuto, la formazione geologica Irati, localizzata nel bacino del Paranà in Brasile e dal termine latino australis, a indicare il Sud, poiché il fossile è stato trovato nella parte meridionale dell’area.

Nonostante le sue piccole misure, ha fornito importanti informazioni raffrontabili con le piante di oggi.  Le cicadi, che conservano molte delle caratteristiche delle piante di centinaia di milioni di anni fa “hanno una storia davvero lunga. Questo tipo di pianta – racconta l’altro autore dell’articolo, il professor André Jasper – si può trovare in Australia, Asia, Africa e America. Si è diffusa in tutto il mondo”.

Secondo gli scienziati, il massimo splendore per questo ordine di piante risale a circa 120 milioni di anni fa, prima dell’avvento delle piante da fiore, più veloci a riprodursi e ad adattarsi.https://a75dd73a39c81747b738c3e728bd129b.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-38/html/container.htmlhttps://www.centrometeoitaliano.it/scpsiti/cmi_localita_agi.php?lat=41.9109&long=12.4818&%3C?php%20echo%20$rand;?%3E© Centro Meteo ItalianoARTICOLI CORRELATIScoperto un fossile di cicade, ha 280 milioni di anni

Quello che ha colpito i ricercatori è che l’anatomia vegetativa della pianta è notevolmente simile a quelle di oggi La vegetazione del pianeta cambia, il mutamento più veloce da 10mila anni
 

 Una ricerca condotta dagli scienziati dell’Università del Wisconsin-Madison (USA). suggerisce che l’influenza dell’umanità sugli ecosistemi, oggi così visibile, ha la sua origine nelle prime civiltà. Sulla Terra ci sono più di 50 miliardi di uccelli

Studio dell’Università del Nuovo Galles: per ogni essere umano ci sono 6 volatiliScoperto il “canale” che blocca l’infiammazione della sclerosi multipla

Lo studio ha dimostrato il ruolo del canale che trasporta gli amminoacidi cistina/glutammato nella funzione delle cellule T regolatorie (Treg) che bloccano l’infiammazione alla base della sclerosi multipla 

FONTE

THEMILANER

foglio informativo indipendente dell'associazione MilanoMetropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.