RICCARDO MUTI: il Requiem di Verdi per dire che il teatro deve tornare vivo

muti verdi requiem teatro massimo
Riccardo Muti

 “Un Requiem che sfida l’impossibile per dire al mondo che siamo vivi”. Riccardo Muti ha diretto ieri il capolavoro sinfonico-corale di Giuseppe Verdi, composto sull’onda dell’emozione per la morte di Alessandro Manzoni, poeta amatissimo dal compositore, ed eseguito dallo stesso Verdi per la prima volta nel 1874 per commemorare lo scrittore a un anno dalla scomparsa.  Il Requiem, diretto dal Maestro il 27 marzo scorso al Teatro Massimo di Palermo, sarà trasmesso in streaming .

Tutti gli artisti, di ogni tipo di arte sono in grande difficoltà per la chiusura dei teatri e dei luoghi di cultura a causa del Covid e di una dissennata politica dei divieti. Il 24 aprile si dovrebbe riaprire quasi tutto, ovviamente con le dovute cautele, ma sarebbe anche ora che i politici, di sinistra o di destra oramai è indifferente, parlassero chiaramente agli italiani su questa strana pandemia, sulle cure domiciliari mai attivate seriamente, sulle trombosi polmonari e sull’efficacia e le conseguenze dei sieri genici che vogliono far passare per vaccini.

Il Comitato Liberi Pensatori sta sferrando il suo attacco alle fandonie che hanno raccontato politici, medici, istituzioni (anche a livello mondiale), seguiteli se avete a cuore la verità.

redazione THE MILANER

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.