Lino Banfi, la mia Lucia è malata di Alzheimer

lino_banfi_moglie

Lucia è una bella signora bionda, guardandola in fotografia nessuno potrebbe presumere che avesse una malattia tanto cattiva. Lino, la guarda con dolcezza… come sono lontane le sue macchiette che facevano ridere tutto il Paese! Lucia e Lino hanno festeggiato recentemente 60 anni di matrimonio

“La seguono i medici migliori – ha spiegato recentemente Lino Banfi -. Voglio arginare la malattia, le sto provando tutte. E quando posso la faccio ridere. Come ho detto a lei una volta, se un giorno non dovesse più riconoscermi ci presenteremo di nuovo

Chi è Lucia Zagaria

La loro storia d’amore è iniziata con la “fuitina” poiché i genitori di lei erano contrari al loro fidanzamento. All’epoca Lino Banfi era un attore acerbo, mentre Lucia una giovanissima parrucchiera. Nonostante le avversità e i momenti difficili entrambi, originari di Canosa di Puglia, sono convolati a nozze il 1º marzo del 1962.

Nel 2012 hanno festeggiato le nozze d’oro in grande stile: sogno realizzatosi alla fine, considerato che la loro cerimonia fu semplice e modesta. Intanto incombeva lo spettro della malattia, pronto a colpire e a sconvolgere la vita di tutti, a partire dallo stesso attore che non riusciva ad accettare la situazione. Lo stesso Banfi ha confessato a Domenica In nel 2019 che non si capacitava del fatto che l’amore della sua vita, prima o poi, non l’avrebbe più riconosciuto: “Abbiamo fatto una vita morigerata, mai un viaggio all’estero o una crociera, mai. Adesso che potrei, purtroppo non posso farlo per via della sua malattia”, ha quindi confidato Lino.

E’ la storia di tante coppie anziane. Si arriva all’età in cui un po’ di serenità sarebbe bene accetta e invece ti capitano tra capo e collo malattia difficili come questa.

La vita non è facile per nessuno e Lino lo sa bene. Ora si occupa della moglie a tempo pieno nella speranza di ritardare il progressivo avanzare della malattia. Buona fortuna Lino.

Suggeriamo la lettura di questo libro, il diario di una quotidianità accanto ad un malato di Alzheimer. “Papa’ mi portava in bicicletta” ha aiutato tanti familiari ad affrontare la prova più difficile della loro vita. Il libro è stato tradotto anche in Inglese.

Papà mi portava in bicicletta
ACQUISTA ON LINE

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.