Conoscere l’uomo 2.0

La biologia ha oltrepassato il confine che la separava dal mondo informatico e i computer del prossimo futuro saranno dei biochip viventi formati da DNA modificato o interamente di sintesi. Marco Pizzuti ci offre un’indagine attenta e documentata sulla prossima evoluzione delle tecnologie attualmente in uso. Sta per nascere una nuova razza ibrida di uomini “semidei” mentre le macchine si vanno umanizzando, acquisendo un’intelligenza e una coscienza artificiali del tutto analoghe a quelle dell’uomo. Androidi, robot indossabili, Intelligenza Artificiale, tecnocrazia, sorveglianza 24/7, droni, nano-robot, immortalità cibernetica, avatar, potenziamenti psicofisici, cyborg, metamateriali e mezzi di trasporto auto guidati sono solo alcune delle novità con cui dovremo abituarci a convivere nei prossimi anni.

Vi ricordate la celeberrima sequenza del film Matrix (ora in programmazione su Infinity) in cui Neo, dopo aver preso la pillola rossa della consapevolezza, si risveglia ritrovandosi all’interno di un utero artificiale in un incubatoio per essere umani governato dalle macchine?

Secondo Marco Pizzuti, ricercatore indipendente, autore di numerosi libri e conferenziere, l’inquietante affresco tratteggiato dagli sceneggiatori della celeberrima trilogia è un’imminente realtà. In un’inchiesta che spazia dalla scienza alla medicina, dall’economia alla geopolitica, Pizzuti offre al lettore l’immagine di un mondo in cui gli oscuri poteri sovranazionali che muovono lo scacchiere globale hanno un impatto sempre più evidente sulle nostre vite.

Sta a noi svegliarci dal sogno della Matrix e riprendere in mano le redini delle nostre esistenze. Come? Ricercando l’informazione libera e indipendente. Magari partendo proprio dall’ultimo libro di Pizzuti e osteggianto il famigerato 5G che è il trampolino di lancio per tutto questo. Se Vittorio Colao dice: “col 5G si potrà iniettare o rilasciare una sostanza medica in remoto, quasi istantaneamente” voi che reazione avete?

Sentiamo che ne pensa Marco Pizzuti:

I tuoi libri, dal primo uscito nel 2009, Rivelazioni non autorizzate, hanno suscitato sempre grande interesse da parte del pubblico: le tue ricerche indipendenti spaziano in tutti i campi del sapere e della storia umani, dall’archeologia alla medicina, passando per l’alimentazione e la scienza. C’è stato un evento particolare accaduto nella tua vita che ti ha portato verso la strada della controinformazione?

Quando avevo 30 anni vivevo ancora come una specie di dottor Jeckill e mister Hide. Da un lato, ero segretamente attratto dalla ricerca e dalle contemplazioni solitarie, mentre dall’altro cercavo di apparire come volevano vedermi gli altri, per avere una vita sociale soddisfacente. Tutto quello che studiavo però, era in netta contrapposizione con il pensiero unico dominante e per non andare sempre contro tutto e contro tutti, preferivo fingere di condividere i luoghi comuni.

Ogni tanto esplodevo e facevo sanguinare le orecchie dei miei interlocutori con “anatemi” contro i poteri. Ma questo essere due persone in una mi costava una sofferenza e una fatica tremenda che non sopportavo più. Sempre più spesso mi capitava di diventare protagonista di gaffe clamorose a causa del mio continuo estraniarmi completamente da quelle conversazioni per le quali non avevo nessun reale interesse.

Mi sentivo come un animale addomesticato disposto ad accettare qualsiasi condizione solo per non compromettere la mia posizione sociale.

Poi si sono verificati una serie di eventi che mi hanno scosso profondamente e che mi hanno dato la forza per saltare lo steccato della mentalità borghese.

Sapevo che una volta uscito allo scoperto la mia vita si sarebbe trasformata in un attacco kamikaze contro poteri forti, convenzioni, benpensanti, utili idioti e debunker professionisti, ma ho preferito rischiare tutto per sentirmi vivo piuttosto che morire dentro, lentamente.

Da allora, ho gettato la maschera rispettabile del dottor Jeckill per essere finalmente il “mister Hide” della controinformazione che desideravo essere e nel 2008 ho fatto “outing” scrivendo di getto i miei primi due libri.

Il tuo ultimo libro dal titolo Evoluzione non autorizzata. Dall’uomo 2.0 alla matrice universale della coscienza, Ci spieghi brevemente cosa intendi per uomo 2.0?

Fino a qualche anno fa l’uomo ha utilizzato la tecnologia solo per modificare l’ambiente, migliorare le proprie condizioni di vita, viaggiare, comunicare e creare ogni genere di confort o di divertimento possibile.

Adesso invece, alcuni illustri scienziati assoldati da grandi multinazionali come Google, stanno lavorando al preciso scopo di modificare l’uomo stesso, al fine di potenziarne le facoltà fisiche e mentali mediante modifiche del DNA e fusioni con le macchine.

Questo tipo di “progresso” tecnologico è inarrestabile e credo che molti lettori cadranno dalla sedia appena sapranno quello che gli scienziati sono già in grado di fare.

Per l’umanità che conosciamo oggi è iniziato il conto alla rovescia e, entro 30 anni al massimo, l’uomo che conosciamo verrà sostituita dall’uomo 2.0, la sua evoluzione artificiale e autodiretta. L’uomo 2.0 non nascerà più dal grembo materno di una madre e come padre avrà una macchina, perché i suoi genitori tradizionali verranno sostituiti dalle fabbriche degli uomini.

FONTE

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.