Ai tempi della Spagnola si portava la mascherina

Le Pandemie del Novecento e il Coronavirus. – Il blog di Carlo Franza

Ci hanno detto per almeno due mesi che indossare una mascherina per proteggersi e proteggere dal Covid 19 era inutile, anzi era forse dannoso.

Se solo avessero guardano a ritroso avrebbero visto che la terribile influenza denominata “Spagnola” , che ha falcidiato 50 milioni di vite umane dal 1918 al 1920 in tutto il mondo, veniva combattuta soprattutto con la mascherina su naso e bocca. Soprattutto in America l’uso della mascherina era obbligatorio, sono passati 100 anni ma oggi pare non essere cambiato nulla.

Troverete nell’articolo alcune foto d’epoca e alcuni stralci di giornali del 1918 pubblicati negli USA, i nostri antenati erano forse più in gamba di noi, e questo dobbiamo senza dubbio apprezzarlo.

 La globalizzazione ha facilitato la sua diffusione del Covid 19, mentre nel 1918 furono i soldati che combattevano durante la prima guerra mondiale a portare l’influenza in tutto il mondo. La storia si ripete, infatti allora come oggi, i magazzini sono stati convertiti negli ospedali di quarantena, e un transatlantico con pazienti infetti è diventato un punto di discussione.

Nell’ottobre 1918, quando San Francisco ricevette la seconda ondata della pandemia, gli ospedali iniziarono a segnalare un aumento del numero di pazienti infetti. Il 24 ottobre 1918, l’organo legislativo eletto della città, il Consiglio delle autorità di vigilanza di San Francisco, rendendosi conto che dovevano essere intraprese azioni drastiche con oltre 4.000 casi registrati, approvò all’unanimità l’ordinanza sull’influenza. Per la prima volta, indossare maschere per il viso in pubblico divenne obbligatorio sul suolo americano.

Adozione di maschere

Dopo che San Francisco rese le maschere obbligatorie in pubblico, iniziò una campagna di sensibilizzazione.Il sindaco della città, insieme ai membri del Board of Health, ha approvato un blitz pubblicitario della Croce Rossa che ha detto al pubblico: “Indossa una maschera e salva la vita! Una maschera è una prova del 99% contro l’influenza”. Furono scritte canzoni sull’uso della maschera, inclusa una ficcanaso che conteneva il testo: “Obbedisci alle leggi e indossa la garza. Proteggi le mascelle dalle zampe settiche”.

I magazzini sono stati convertiti per ospitare le persone infette messe in quarantena.

I magazzini sono stati convertiti per ospitare le persone infette messe in quarantena.Chiunque fosse stato trovato all’aperto senza maschera poteva essere multato o addirittura imprigionato.La campagna ha funzionato e altre città californiane hanno seguito l’esempio, tra cui Santa Cruz e Los Angeles, seguite da stati negli Stati Uniti.E non era solo l’America. Dall’altra parte dell’Atlantico si stavano compiendo passi simili – il Comitato dell’Accademia di Medicina di Parigi raccomandò di indossare maschere nella prigione francese all’inizio di novembre 1918 lo stesso fece il dottor Niven, ufficiale medico della salute per Manchester, nel nord dell’Inghilterra.

Man mano che l’uso della maschera acquistava velocità in Europa e Nord America, la questione dell’offerta divenne acuta.C’era solo un piccolo numero di produttori di maschere specializzate, come la Prophylacto Manufacturing Company di Chicago, e non riuscivano a soddisfare l’ondata di domanda.La produzione domestica era la risposta. In alcune parti dell’America, chiese, gruppi di comunità e capitoli della Croce Rossa si sono riuniti, acquisendo tutta la garza che potevano trovare, e hanno tenuto sessioni di fabbricazione di maschere di massa.

Un poliziotto americano che indossa una "maschera antinfluenzale"  per proteggersi dallo scoppio dell'influenza spagnola dopo la prima guerra mondiale

Un poliziotto americano che indossa una “maschera antinfluenzale” per proteggersi dallo scoppio dell’influenza spagnola dopo la prima guerra mondiale.I giornali e vari governi statali negli Stati Uniti collegarono le maschere alla guerra in corso sui campi di battaglia dell’Europa nell’ottobre 1918 – “Maschere antigas nelle trincee; maschere influenzali a casa” promettevano al quotidiano Washington Times il 26 settembre 1918, riferendo che 45.000 maschere sarebbero state fornite ai soldati statunitensi per scongiurare “l’influenza spagnola”.Quando la prima guerra mondiale terminò l’11 novembre, i produttori di maschere antigas che rispettavano i contratti del governo passarono alle maschere antinfluenzali.

Indossa la maschera anche la polizia

Le leggi che ordinavano l’uso delle maschere avevano in gran parte il sostegno pubblico .Tucson, in Arizona, emise un’ordinanza sulla maschera facciale il 14 novembre 1918, con esenzioni per predicatori, cantanti e attori in teatri e insegnanti di scuola – tutti ritenuti abbastanza lontani dal loro pubblico.

I poliziotti di Seattle indossano maschere per il viso durante l'epidemia di influenza del 1918, che ha causato milioni di vittime in tutto il mondo.

I poliziotti di Seattle indossano maschere per il viso durante l’epidemia di influenza del 1918, che ha causato milioni di vittime in tutto il mondo.Sulla costa occidentale, San Francisco era ancora in vantaggio rispetto alla promozione dell’uso delle maschere. 

Il 25 ottobre 1918, il San Francisco Chronicle pubblicava in prima pagina le foto dei migliori giudici della città e dei principali politici che indossavano tutte le maschere.Presto non ci fu via di fuga indossando una maschera. Tutti i treni che arrivavano alle stazioni della costa occidentale dovevano essere incontrati da comitati di incoraggiamento delle maschere, gruppi di donne volontarie con maschere per coloro che non erano riusciti a procurarne uno fuori dallo stato.Certo, c’erano alcuni che hanno infranto le regole. In una partita di boxe in California, una fotografia scattata con una torcia ha mostrato che il 50% degli uomini del pubblico non indossava maschere. La polizia ha ingrandito l’immagine e l’ha utilizzata per identificare la maschera senza maschera.Ogni uomo è stato avvertito di dare un “contributo volontario” a un ente di beneficenza per gli uomini che combattevano all’estero o di essere accusato.

La maschera al lavoro?

Durante la pandemia di influenza del 1918, la ricerca scientifica sull’uso delle maschere era ancora in gran parte aneddotica – e la storia avvincente di un transatlantico attirò l’attenzione della gente.All’inizio di dicembre del 1918, il quotidiano Times di Londra riferì che era stato stabilito, dai medici degli Stati Uniti, che l’influenza era “a contatto con il contatto e di conseguenza prevenibile”.Il Times ha osservato che in un ospedale di Londra tutto il personale e i pazienti avevano ricevuto istruzioni per indossare costantemente maschere per il viso. Il giornale ha citato i successi delle maschere facciali su una nave.Il transatlantico che navigava tra gli Stati Uniti e l’Inghilterra aveva subito un terribile tasso di infezione. Al suo ritorno negli Stati Uniti, il capitano ordinò l’uso della maschera per l’equipaggio e i passeggeri, dopo aver letto del loro uso a San Francisco.

Un articolo sul San Francisco Chronicle del 25 ottobre 1918.

Un articolo sul San Francisco Chronicle del 25 ottobre 1918.

Non sono state segnalate infezioni durante il viaggio di ritorno, nonostante gli alti tassi di infezione al momento sia a Manhattan che a Southampton, da dove la nave è partita. Era impossibile sapere se le regole sulle maschere nel viaggio di ritorno fossero responsabili della mancanza di infezioni, ma era così che la stampa lo interpretava.C’era qualche precedente dietro la guida della maschera.Durante la grande peste della Manciuria del 1910-1911, che vide scienziati cinesi, russi, mongoli e giapponesi riunirsi per combattere un diffuso scoppio di peste bubbonica nel nord della Cina, le maschere erano state ritenute efficaci. La giornalista scientifica Laura Spinney, autrice del libro del 2017 “The Pale Rider: The Spanish Flu of 1918 and How it Changed the World”, osserva che dopo le loro esperienze in Manciuria nel 1911, i giapponesi presero rapidamente a indossare maschere in pubblico nel 1918. Le autorità giapponesi hanno sostenuto che le maschere erano un gesto cortese nel proteggere gli altri dai germi ed erano state efficaci nei precedenti focolai di malattie più localizzati in Giappone.E indossare la maschera sembrava appiattire i tassi di infezione.

Un addetto alle pulizie di New York che indossa una maschera per controllare la diffusione dell'epidemia di influenza.  & quot; Meglio essere ridicoli che morti, & quot;  è l'opinione di un funzionario.

Un addetto alle pulizie di New York che indossa una maschera per controllare la diffusione dell’epidemia di influenza. “Meglio essere ridicoli che morti” è l’opinione di un funzionario.

Un secolo dopo

Un secolo dopo, sono i paesi asiatici che hanno ricordato le lezioni che gli Stati Uniti avevano appreso sui benefici dell’uso della maschera nel rallentare la diffusione dell’infezione. Forse perché negli anni successivi l’Asia ha affrontato focolai di colera, tifo e altre malattie trasmissibili, fino alla SARS nel 2003 e all’influenza aviaria più recentemente.

America ed Europa sono state meno colpite da epidemie in questi ultimi 100 anni. Ora per il Coronavirus l’idea di indossare una mascherina anticontagio è la cosa più saggia da fare visto che le cure per il virus non sono certe e il vaccino si farà attendere.

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.