Anche la Francia è funestata dai femminicidi

Quest’anno 137 donne sono state uccise dai loro partner in Francia. I critici danno la colpa a una “società profondamente sessista”

La storia di Marie Alice

Risultati immagini per femminicidi

Marie-Alice Dibon e Luciano Meridda hanno iniziato la loro storia con la poesia. La coppia si è incontrata durante una corsa in taxi per Parigi nel 2004. Dibon, allora 38enne e uno specialista di cosmetici e farmaceutici che ha diviso il suo tempo tra la Silicon Valley e la capitale francese, era diventato curioso del materiale di lettura del suo autista.Voleva sapere del libro di poesie al suo fianco. Meridda, allora 51enne, le raccontò del suo entusiasmo per la letteratura e Dibon ne fu affascinata. Ma dopo cinque anni, Meridda rivelò un lato oscuro e divenne sempre più possessivo e manipolatore.

Dibon scoprì anche che Meridda aveva mentito sul suo passato.”Aveva mentito sul fatto che era single, ma era sposato! Aveva mentito sul fatto che non aveva figli, ma aveva figli!” disse de Ponsay. Nel decennio successivo, Dibon ha provato a lasciare Meridda diverse volte ma senza riuscirci.  Ricorreva spesso al ricatto emotivo e smetteva di mangiare nel tentativo di farla rimanere.”Probabilmente si sentiva un po ‘responsabile della sua salute mentale. Era preoccupata che si sarebbe fatto del male”, ha detto de Ponsay.

La mattina del 22 aprile – circa 15 anni dopo essersi incontrati, e due giorni dopo aver tentato di lasciarlo una volta per tutte – il corpo di Dibon è stato trovato imbottito in una valigia che galleggiava nel fiume Oise, alla periferia di Parigi. La polizia di Versailles ha detto che Meridda l’ha drogata e poi l’ha soffocata a morte. Ha trascorso due settimane in fuga prima di uccidersi.

Dibon è una delle almeno 137 donne in Francia che moriranno per mano del loro partner nel 2019 secondo un rapporto di “Feminicides par companionon ou ex” che affronta il problema. L’anno scorso la cifra era di 121, secondo il governo. L’incapacità del paese di affrontare la crisi ha scatenato la rabbia dei critici che affermano che la Francia ha un problema con la misoginia e ha portato il governo ad annunciare un dibattito nazionale sulla violenza domestica.

Sabato scorso, circa 35.000 persone che indossavano abiti viola hanno marciato per le strade di Parigi per protestare contro il femminicidio e la violenza contro le donne, ha detto un portavoce della Prefettura di polizia di Parigi.Decine di migliaia di attivisti e famiglie di alcune vittime hanno aderito alle proteste in altre città francesi. I Nous Toutes, uno dei gruppi che hanno richiesto le proteste, hanno twittato che circa 150.000 persone hanno protestato in tutta la Francia. La marcia è stata organizzata due giorni prima che il governo francese progettasse di annunciare nuove misure, a seguito di una consultazione nazionale sulla violenza domestica.

De Ponsay ha detto che c’era speranza che le parole degli attivisti fossero finalmente ascoltate.

Fonte

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.