Agguato ai militari italiani in Iraq

iraq militari esplosione mina

Cinque militari del gruppo Col Moschin dislocati in Iraq sono rimasti feriti in un attentato, l’esplosione li ha colpiti in pieno, tre di loro sono in gravi condizioni : uno ha subito l’amputazione di una gamba, un altro ha gravi lesioni interne e il terzo ha riportato danni al piede.

“L’ordigno esplosivo artigianale – dice la nota del ministero della Difesa – è detonato al passaggio di un team misto di Forze Speciali italiane in Iraq. Il team stava svolgendo attività di mentoring and training a beneficio delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta al Daesh”.

“I cinque militari coinvolti dall’esplosione – si legge ancora – sono stati prontamente soccorsi, evacuati con elicotteri Usa facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale Role 3 dove stanno ricevendo le cure del caso. Tre dei cinque militari versano in condizioni gravi ma non sarebbero in pericolo di vita. Le famiglie dei militari sono state informate”.

Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, è stato prontamente messo al corrente dell’accaduto dal capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, e segue con attenzione l’evolversi della situazione e “in queste ore di preoccupazione, esprime la più profonda vicinanza alle famiglie e ai colleghi dei militari coinvolti”.

“Sto seguendo con dolore e apprensione quel che e’ accaduto in Iraq ai nostri militari, coinvolti in un attentato”. Lo dichiara il ministro degli Esteri, Luigi di Maio.
“I nostri ragazzi erano impiegati in attività di formazione delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis”, aggiunge Di Maio. “In questi casi il primo pensiero va ai soldati colpiti, alle loro famiglie e a tutti i nostri uomini e donne in uniforme che ogni giorno rischiano la vita per garantire la nostra sicurezza. Seguiamo con attenzione ogni sviluppo”.

Anche Matteo Renzi ha pubblicato un Tweet di vicinanza: “Un pensiero per i nostri cinque soldati colpiti in un attentato in Iraq ed alle loro famiglie. Tutta l’Italia si stringe intorno a loro”. Mentre Giorgia Meloni ha postato un messaggio su Facebook dove oltre ai primi particolari della notizia ha agginto: “Ci stringiamo ai feriti, alle loro famiglie e all’Esercito Italiano”.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo per attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime in merito all’attentato. Saranno affidate ai carabinieri del Ros le indagini in questione. A coordinare gli accertamenti l’aggiunto con delega all’antiterrorismo Francesco Caporale che attende per domani mattina le prime relazioni dall’Iraq. Non è escluso che, una volta arrivati gli atti, i carabinieri possano partire alla volta di Kirkuk, nel nord del Paese, dove si è verificato l’attentato. 


THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.