Se si votasse oggi che accadrebbe?

elezioni anticipate simulazione partiti

Se si andasse a votare oggi, la Lega, presentandosi da sola, non otterrebbe la maggioranza assoluta dei seggi, pur essendo nettamente il primo partito. Per avere i numeri sufficienti, il partito di Salvini dovrebbe allearsi con gli altri due partiti di centrodestra o anche solo con Fratelli d’Italia. È quanto emerge dalla simulazione elaborata da YouTrend per Agi, sulla base della Supermedia settimanale dei sondaggi che vedono il Carroccio in crescita di 1,3 punti, al 36,9%, il Pd al 22,6%, M5s al 17,6%, FI al 7,1%, FdI al 6,6%, +Europa al 2,8%, Verdi al 2,2%, La Sinistra all’1,7%.

Gli scenari possibili sono tre: un centro destra unito, che vedrebbe la coalizione in nettissima maggioranza con 413 seggi alla Camera e 208 al Senato; il partito di Salvini da solo, in testa ma senza la possibilità di governare in solitudine con 283 deputati e 142 senatori o un’alleanza con FdI, anche questa maggioritaria con 180 scranni al Senato e 351 alla Camera.

PRIMO SCENARIO: STESSE COALIZIONI DEL 2018

Una riedizione delle coalizioni del 2018 vedrebbe una vittoria nettissima del centrodestra, che conquisterebbe (con poco più del 50% dei voti) oltre 400 seggi alla Camera (413) e 208 al Senato. Si tratterebbe di una maggioranza talmente ampia da poter consentire ai tre partiti di centrodestra (Lega, Forza Italia e FDI) di cambiare la Costituzione senza dover passare dal referendum confermativo. Nel dettaglio, alla Camera la coalizione avrebbe quindi 413 scranni, il centrosinistra 122, M5s 81, Altri 2.

Maggioranza schiacciante anche al Senato dove all’opposizione resterebbero 59 posti per il Centrosinistra,m 40 per M5s e 2 per ‘Altri’.

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.