Che cosa meritano le vittime della Chiesa cattolica?

La Chiesa cattolica si rivolge a arbitri esterni per fare i conti con la sua storia di abusi sessuali. Ma gli scettici sostengono che la sue evasioni continuano.

Ecco un interessante articolo di Paul Ellie su quando è accaduto e accade negli Stati Uniti, non credo che in Italia sia molto diverso.

Qualche tempo prima che Brooklyn fosse incorporata a New York City, nel 1898, fu soprannominata la Città delle Chiese. Le case di culto rimangono spesse sul terreno nel borgo. Nella parte di Brooklyn dove vivo, le chiese superano numericamente negozi di alimentari, negozi di animali e saloni di bellezza. C’è la Chiesa istituzionale di Dio in Cristo (mattoni rossi, vetrate) e la Chiesa di Dio Rivelazione in Cristo (un cinema convertito); la Chiesa Battista di lingua francese, fondata da immigrati haitiani; la Chiesa battista di Zion Shiloh, i cui membri provengono da tutta l’area metropolitana, parcheggiando le loro auto in una lunga fila; e la Parrocchia di Ileri Oluwa, dove i fedeli della discendenza nigeriana adorano le feste e in lunghe vesti bianche. E ci sono i luoghi cattolici. La Queen of All Saints Church e il Bishop Loughlin Memorial High School si fronteggiano su Lafayette Avenue. Su per la collina c’è la casa madre murata delle Sorelle della Misericordia; giù per la collina c’è la vecchia chiesa di San Bonifacio, ora sede di una comunità chiamata Oratorio di Brooklyn, dove vado a messa la domenica.

A pochi isolati si trova St. Lucy-St. Patrick Church, in Willoughby Avenue. Più di sei anni, a partire dal 2003, Angelo Serrano, un educatore religioso della chiesa, ha abusato sessualmente di quattro ragazzi. Li ha violentati o molestati negli uffici della chiesa e nel suo appartamento, in una scuola di mattoni convertita in alloggi a basso costo da Catholic Charities. Alla fine, uno dei ragazzi ha detto a sua madre, che ha detto alla polizia. Nel 2011, Serrano è stato condannato a quindici anni di carcere. Le vittime hanno poi citato in giudizio la diocesi di Brooklyn; in un accordo raggiunto lo scorso settembre, sono stati assegnati $ 27,5 milioni.

Mia moglie ed io abbiamo allevato tre figli in questa parte di Brooklyn, e la mattina in cui le notizie sull’insediamento si sono interrotte ho pedalato su Willoughby Avenue verso la chiesa. Santa Lucia-St. Patrick’s è una delle più antiche chiese cattoliche del distretto, risalente al 1843, e ha un aspetto infestato, lasciato indietro. Sull’orlo di una fila di brownstone restaurati, è notevolmente trasandata: la vernice rosa si sta staccando dalle porte e la recinzione di ferro lungo il marciapiede è rotta in alcuni punti.

Quando sono arrivato, un corrispondente di “Noticias Univision 41”, un programma di notizie in lingua spagnola, era in piedi nelle vicinanze. Una macchina bianca si alzò, la bandiera di Porto Rico penzolava dallo specchietto retrovisore, e un uomo di mezza età si fece avanti indossando una maglietta, jeans e scarpe da ginnastica. “Se avessi la mia strada”, gridò l’uomo, “sarebbe stato violentato ogni notte in quella prigione dove si trova, per quello che ha fatto”.

Ho pedalato, incerto su come rispondere. La situazione era dritta da un corso universitario sulla giustizia. Una soluzione legale aveva espresso un’idea di giustizia come restituzione finanziaria; il mio vicino aveva espresso un’idea di giustizia come punizione fisica. Né sembrava una via da seguire.

Tornato a casa, scorrendo attraverso BishopAccountability.org, che aggrega materiale sugli abusi sacerdotali, ho contato più di una dozzina di chiese a breve distanza in bicicletta dal nostro appartamento di Brooklyn, che era stato servito ad un certo punto da sacerdoti accusati di cattiva condotta sessuale. A Bushwick, padre Augusto Cortez toccò il seno di una bambina di dodici anni alla St. John the Baptist Parish School. Padre George Zatarga, a lungo il cappellano del vescovo Loughlin, il liceo di Lafayette Avenue, ha successivamente ammesso “comportamenti inappropriati” con ragazzi in viaggio verso una capanna a nord di Albany (comportamento che ha registrato liricamente in un “diario di viaggio”: magro e simili). Padre Anthony J. Failla, che ha prestato servizio a St. Michael-St. Edward Church, vicino a Fort Greene Park, è stato accusato di aver abusato sessualmente di un giovane orfano che dormiva nella camera da letto del canonico vicino agli alloggi di Failla. Padre Francis X. Nelson, mentre serviva a St. Mary Star of the Sea, a Carroll Gardens, visitò la casa di una giovane ragazza dell’altare con il pretesto di pagare una chiamata pastorale alla nonna malata e molestò la ragazza. Padre Romano Ferraro fu inviato a San Francesco Saverio, a Park Slope, dopo aver commesso atti in altre chiese che in seguito portarono a accuse di abusi; durante la sua permanenza a Xavier, Ferraro, durante le visite annuali di Natale ad un amico del Massachusetts, violentò il figlio dell’amico (un crimine per il quale sta scontando un periodo di vita in prigione). Un incidente più recente ha attirato la mia attenzione: nel 2011, quando i miei figli erano alle elementari, la diocesi di Brooklyn ha rimosso padre Christopher Lee Coleman dal ministero per presunta cattiva condotta sessuale con un minore, sebbene la diocesi abbia aspettato sette anni per rivelarne la ragione.

Come molti cattolici, mi chiedo se questa storia sarà mai finita e se le cose saranno mai corrette. Spesso chiamato crisi, il problema è più duraturo e più completo di così. Gli scienziati sociali riferiscono che il periodo più grave di abusi sessuali sacerdotali erano gli anni Sessanta e Settanta, e il problema è stato in pubblico negli ultimi tre decenni e mezzo. Per la maggior parte dei cattolici americani, quindi, il fatto di abusi sessuali da parte di sacerdoti e il suo insabbiamento da parte dei vescovi è stata a lungo una realtà quotidiana. Gli abusi sessuali sacerdotali hanno direttamente danneggiato migliaia di cattolici, rovinando il loro senso della sessualità, dell’intimità, della fiducia, della fede. Indirettamente, il modello di abuso e insabbiamento ha reso i cattolici diffidenti nei confronti dei sacerdoti e disprezzando l’idea che ili vescovi sono i nostri “pastori”. Ha confuso le domande sulla dottrina della Chiesa riguardo l’orientamento sessuale, la natura del sacerdozio e il ruolo delle donne; ha affrettato il declino della scuola cattolica e la chiusura delle chiese. Gli avvocati generali in più di una dozzina di stati stanno indagando sulla Chiesa e sulla sua gestione delle accuse di abuso sessuale. A febbraio, lo Stato di New York ha allentato il suo statuto di limitazioni per i crimini sessuali, a lungo il baluardo della Chiesa contro le accuse di abuso. E questo è solo negli Stati Uniti. Gli abusi sessuali sacerdotali hanno avuto gravi effetti in tutto il mondo, anche a Roma, dove i tre Papi più recenti sono stati implicati nelle abitudini istituzionali di occultamento o inattività, e dove Papa Francesco deve ancora trovare la sua voce sul problema.

Non è che i vescovi di questo paese non abbiano risposto. Hanno pedalato attraverso una strategia di risoluzione della crisi dopo l’altra. Hanno consultato esperti, istituito commissioni di revisione e hotline, emesso carte e rapporti, personale della parrocchia formato nelle “migliori pratiche” per evitare e denunciare abusi sessuali. Si sono incontrati con i sopravvissuti e hanno guidato Messe di penitenza e guarigione; si sono scusati e hanno implorato il perdono. E hanno effettuato pagamenti, attraverso insediamenti e risarcimenti giudiziari, pari a tre miliardi di dollari.

Tutta quella risposta alla crisi ha funzionato, e non è così. Quando sorgono domande sulla restituzione, le risposte dei vescovi si sentono inadeguate, insincere o off point. Il Vaticano, nel frattempo, considera i vescovi americani come maestri nel gestire le accuse di abuso. In un incontro a Roma in febbraio, papa Francesco ei suoi deputati, affrontando una “crisi globale” della “protezione dei minori”, hanno suggerito che il resto del mondo potesse imparare dalla Chiesa americana. “La Chiesa si sta spostando dal” problema americano “alle soluzioni americane sull’abuso del clero”, ha dichiarato un recente titolo di un servizio di notizie cattolico.

In tutto ciò, è emersa una chiara soluzione americana al problema : la messa in funzione di un’autorità indipendente, laica, per organizzare gli insediamenti tra la Chiesa e i sopravvissuti agli abusi. Questa strategia è stata ripresa da un improbabile avvocato: il cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York, e un tradizionalista che generalmente ama la difesa della Chiesa contro i suoi avversari.

Quasi tre anni fa, il cardinale Dolan ha deciso di assumere Kenneth Feinberg, un esperto di arbitrati e mediazione che ha condotto programmi per risarcire le vittime e i parenti delle vittime dagli attacchi dell’11 / 9, la fuoriuscita dipetrolio di Deepwater Horizon , l’ attentato alla maratona di Boston e altri disastri . Sotto Feinberg, l’11 settembre Victim Compensation Fund ha distribuito oltre sette miliardi di dollari a cinquantacinquecento richiedenti. Dopo lo sversamento di Deepwater Horizon, nel Golfo del Messico, Feinberg e la sua collaboratrice di lunga data Camille Biros hanno distribuito oltre sei miliardi di dollari a duecentoventicinquemila richiedenti. Dopo le riprese al Pulse night club, a Orlando, in Florida, hanno lavorato, pro bono, per aiutare a distribuire donazioni di beneficenza a chi ne era colpito.

Un programma di riconciliazione e indennizzo indipendente, diretto da Feinberg e Biros, ha iniziato ad ascoltare ed elaborare richieste di abusi sessuali sacerdotali per l’arcidiocesi di New York nell’autunno del 2016. Feinberg e Biros hanno successivamente istituito programmi di compensazione nelle Diocesi di Brooklyn (che comprende Queens ) e Rockville Centre (Long Island), e nella parte settentrionale, nelle diocesi di Siracusa e Ogdensburg. Il loro portafoglio si sta espandendo in modo drammatico: cinque diocesi in Pennsylvania e tutte e cinque le diocesi nel New Jersey hanno firmato e molte diocesi in Colorado e California dovrebbero farlo entro la fine dell’anno. Altri IRCP, che sono simili al modello di Feinberg e Biros ma non sono sotto la loro supervisione, sono stati stabiliti altrove, tra cui le Diocesi di Buffalo, a New York, e Harrisburg, in Pennsylvania. Presto ci saranno IRCP con marchio Feinberg nelle diocesi dei due quinti dei cattolici americani. Il suo modello di riconciliazione e di compensazione di Biros è diventato l’approccio standard all’abuso sessuale sacerdotale proprio come i vescovi di tutto il mondo stanno cercando qui approcci standard.

“È così bello essere stressati sul lavoro fuori per un cambiamento.”

La Chiesa ha pagato i sopravvissuti per decenni. Cosa rende questa strategia diversa? Parte della risposta è Feinberg e Biros. Nel corso di molti anni, hanno mantenuto una reputazione di probità e indipendenza mentre versano circa venti miliardi di dollari di fondi. E l’uso da parte della Chiesa di arbitri esterni e mondani ha lo scopo di placare i sospetti di autoprotezione. Ci sono molte cavalcate sull’indipendenza di Feinberg e Biros, eppure questa indipendenza può definire i limiti del successo degli IRCP. I critici del cattolicesimo di Martin Lutero in poi hanno criticato la Chiesa per aver affrontato questioni di peccato e pentimento attraverso mezzi meccanici: il sistema delle indulgenze, la cabina confessionale. Oggi la Chiesa essenzialmente esternalizza una resa dei conti con il suo passato?

“Ken e Camille”, come Feinberg chiama il duo, hanno lavorato insieme dal 1979, quando Feinberg era il capo dello staff del senatore Edward M. Kennedy e assunse Biros come assistente. L’ho incontrato diverse volte negli ultimi mesi, al Willard Office Building, a Washington, DC, dove ha sede il loro studio legale di sei persone. Feinberg, che ha settantatré anni, è cresciuto a Brockton, nel Massachusetts, e parla con un accento chowdery non accentuato da cinquant’anni tra gli agenti di potere di New York e Washington. È calvo, porta gli occhiali a forma di tartaruga e lascia le camicie aperte sul collo. Biros, di tre anni più giovane, ha i capelli lunghi e scuri e preferisce camicette larghe, pantaloni e tacchi da combattimento. Entrambi sono appassionati d’opera, e loro (con i loro coniugi) hanno seguito molte lunghe giornate alla loro scrivania con lunghe nottate all’opera.che Feinberg viene definito il “Master of Disaster” e lo “Compensation Czar”. La mediazione corre in profondità per Feinberg; trascorrere del tempo con lui è vederlo mediare continuamente tra diversi aspetti del suo personaggio, tra un desiderio di umiltà e un gusto per la pubblicità, un impegno a produrre risultati gradevoli e un istinto a dire tutta la verità.

“Il cardinale ha chiamato e voleva fare brainstorming”, mi ha detto Feinberg. Papa Francesco aveva parlato di un Anno della Misericordia, esortando i cattolici a compiere atti di riconciliazione e perdono, e il Cardinale Dolan ha visto questa come un’opportunità per affrontare gli abusi sessuali sacerdotali, in un momento in cui la Chiesa era sottoposta a forti pressioni riguardo al problema. Il film del 2015 ” Spotlight ” , su una squadra di giornalisti del Boston Globe che ha scoperto abusi sessuali sacerdotali nell’area di Boston, ha suscitato la rabbia dell’opinione pubblica nei confronti della Chiesa e ha vinto l’Oscar come miglior film. Il gruppo di watchdog snap(Rete dei sopravvissuti di quelli abusati dai sacerdoti) ha caratterizzato il cardinale Dolan come “tra i più segreti” dei circa trecento vescovi statunitensi in materia di abusi sacerdotali. I legislatori dello stato di New York hanno quasi approvato un disegno di legge che allenta la rigorosa legge sui limiti alle cause per l’abuso di sesso. Quando era l’arcivescovo di Milwaukee, dal 2002 al 2009, Dolan aveva istituito un programma di colonizzazione, ma era andato storto. Il coinvolgimento di Kenneth Feinberg ha dato al Cardinale la possibilità di fare un drammatico e di alto profilo.

Feinberg e Biros si incontrarono con il cardinale Dolan nella residenza dell’arcivescovo, insieme al capo dell’arcidiocesi. “Il Cardinale ha discusso con noi il suo desiderio di creare un programma per promuovere la riconciliazione e la guarigione tra le vittime e la Chiesa, così come le sue speranze che questo aiuti a riportare alla Chiesa coloro che sono stati alienati a causa della condotta passata della Chiesa, “Ha ricordato Biros, scegliendo con cura le sue parole. “Ovviamente, non ci siamo persi la questione laica della possibilità in corso di un cambiamento nello statuto dei limiti che apre una finestra che consentirebbe ai casi a scadenze prolungate di andare avanti nei tribunali”.

Il nuovo programma offrirebbe un risarcimento ai sopravvissuti e richiederebbe loro di firmare le liberazioni perdendo il diritto di citare in giudizio la Chiesa se la legge fosse cambiata in seguito. Mi prenderebbe cura dei casi, mi disse Biros, “che erano” nel cassetto “, come ama dire Ken, e che erano noti all’arcidiocesi, tornando, in alcuni casi, a più di trent’anni.”

L’arcidiocesi di New York, con 2,8 milioni di cattolici, è la seconda più grande negli Stati Uniti, dopo quella di Los Angeles, ei suoi millecinquecento ecclesiastici e il valore del suo patrimonio immobiliare farebbero del suo Programma di riconciliazione e retribuzione indipendente uno dei scala di impostazione dei precedenti. Per finanziarlo, l’arcidiocesi ha stipulato un prestito a breve termine contro l’ipoteca su alcune proprietà di sua proprietà: il blocco di Madison Avenue tra la Cinquantunesima e la Cinquantunesima Strada, occupato dall’Hotel Lotte New York Palace. “Dovremo fare come qualsiasi altra famiglia in un momento critico”, ha detto il Cardinale Dolan, quando ha annunciato il programma. “Prendiamo in prestito i soldi.”

L’approccio di Feinberg alla mediazione, delineato in un libro del 2005 sulla sua opera dell’11 settembre, ” What Is Life Worth? , “È radicato nella convinzione” che un mago di terze parti può aiutarci a colmare le nostre differenze. “Quella magia spesso coinvolge la matematica. Come padrone speciale del fondo per l’11 settembre, Feinberg usava tipicamente una formula che stimava la perdita di guadagni futuri della vita del defunto, rappresentava altre fonti di reddito familiare e dava peso al numero di persone a carico. Quindi avrebbe usato la sua discrezione per “ridurre il divario tra i premi di fascia alta e di fascia bassa”, tra i premi assegnati alle famiglie di banchieri d’investimento altamente compensati e quelli fatti alle famiglie di lavoratori del ristorante che erano stati pagato all’ora. Alla fine, il premio mediano è stato leggermente inferiore a $ 1,7 milioni.

I programmi di compensazione per gli abusi sessuali sacerdotali sono relativamente inesatti: comportano la pesatura di beni immateriali per determinare, in primo luogo, cosa è successo, e quindi quale somma di denaro rappresenta un compenso adeguato. Quando una diocesi accetta di lavorare con Feinberg e Biros, mette da parte una somma di denaro per il risarcimento ai sopravvissuti o indica che pagherà le richieste come valutate. Biros valuta ogni rivendicazione di abuso, tenendo conto della storia del sacerdote e della qualità delle prove del richiedente che l’abuso ha avuto luogo. Una commissione di revisione diocesana (solitamente composta da fedeli cattolici nella vita pubblica: giudici, psicologi, forze dell’ordine) può anche fornire una valutazione. Se Biros approva la richiesta, decide l’importo della compensazione da offrire, soppesando la natura dell’abuso, quanto tempo è trascorso, come ha influito sulla vita del richiedente, e altri fattori. Se il ricorrente accetta l’offerta, rinuncia al diritto di citare in giudizio la diocesi ma non è vincolata alla riservatezza. “Il programma non è giudicato”, mi ha detto il portavoce dell’Arcidiocesi, Joseph Zwilling. Non formula alcuna raccomandazione sulle misure contro i sacerdoti accusati ancora in un ministero attivo; passa quelle rivendicazioni alla diocesi, che quindi conduce la propria valutazione e decide se i sacerdoti debbano essere disciplinati o rimossi.

Il programma dell’Arcidiocesi di New York si è articolato in due fasi: una per le persone che avevano già accusato i preti di abuso e un’altra per le persone che accusavano per la prima volta. “Il Cardinale è stato molto contento del programma”, mi ha detto Biros, Feinberg ha annuito con il suo assenso e ha indicato i numeriin aiuto. Sono state applicate trecentonovantaquattro persone. Biros accettò tutte le dichiarazioni tranne quarantotto. Più della metà dei ricorrenti erano rappresentati da un avvocato, come Mitchell Garabedian, l’avvocato che era presente in “Spotlight” e un amaro nemico della Chiesa. Solo uno ha rifiutato l’offerta di compensazione dell’IRCP. I pagamenti individuali andavano da venticinquemila a cinquecentomila dollari. In totale, il programma ha assegnato più di sessantatre milioni di dollari ai richiedenti, con poche controversie.

Una ragione per l’alto livello di partecipazione che Feinberg e Biros vedevano era la mancanza di alternative: la maggior parte dei richiedenti non poteva più fare causa, perché i presunti atti di abuso erano al di fuori della prescrizione, che all’epoca richiedeva una persona una richiesta di abuso dall’età di ventitre anni. Un altro motivo era quello che Feinberg definisce “i nostri standard di prova indulgenti”. In “Cosa vale la vita?”, Descrisse la sua posizione ideale nei confronti delle vittime come “compassionevole e generosa ma non dissoluta”. Egli sostiene che i programmi di compensazione devono pagare “deboli” afferma “così come quelli forti, al fine di portare a un senso collettivo di risoluzione. Questa strategia costa di più, ma mantiene il dissenso al minimo. Fa parte della compassione, in parte delle pubbliche relazioni.

Disegnare la linea è complicato. Nel programma dell’11 settembre, raramente si è discusso che il parente di un ricorrente fosse stato ucciso in un attacco terroristico. In una rivendicazione di abusi sessuali sacerdotali, tuttavia, è spesso difficile determinare esattamente cosa sia successo. In genere, la persona che richiede il risarcimento riferisce di essere stato abusato sessualmente decenni fa, senza testimoni, da un prete che è morto e offre materiale corroborante che non sarebbe in tribunale. È qui che arrivano gli “standard clementi”.

“Cosa stiamo cercando?” Disse Biros. “Una qualche forma di documentazione prima che il programma venisse annunciato: corrispondenza, una cartella clinica. Hai detto al tuo terapeuta e il terapeuta ha preso appunti. Hai detto al tuo migliore amico: non è buono, ma lo faremo se il sacerdote in questione è un recidivo. “Ha esaminato le rivendicazioni per due decenni, e fa le sue valutazioni con sicurezza che un pretendente o un artista truffatore ha vinto” t scivolare. Quando lei e il suo staff incontrarono i richiedenti di persona, lei mi disse “possiamo dire in trenta secondi se stai dicendo la verità”.

Un reclamo viene respinto, ha affermato Biros, soprattutto se non ci sono altre pretese contro il sacerdote e se non ci sono prove per l’affermazione oltre ai ricordi dell’accusatore.

In teoria, riesaminando le rivendicazioni e stabilendo un compenso, gli IRCP hanno liberato la Chiesa affinché accettasse la riconciliazione. In pratica, Biros ha fatto un sacco di riconciliazione. Sei decenni dopo la sua adolescenza cattolica, a Brooklyn (“Non eravamo particolarmente devoti”, dice della sua famiglia), si è impegnata personalmente con circa duecento pretendenti, faccia a faccia, al telefono o via Skype, facendo il lavoro di ascoltare e riflettere sul fatto che i vescovi hanno faticato a dare risultati credibili.

“Abbiamo sentito dire che ‘tutti i casi sono vecchi casi'”, ha detto Feinberg. “Ma ci sono uomini di sessantacinque anni singhiozzanti nell’ufficio di Camille. Queste sono persone in stati emotivi danneggiati. “

“L’abuso da parte di un sacerdote è stata l’esperienza decisiva della Chiesa nelle loro vite”, ha affermato Biros. “Le loro famiglie non le credevano. Si trovano a mettere in discussione la loro sessualità, la loro autostima. Vediamo PTSD Vediamo persone che hanno tentato il suicidio. “A suo avviso, questo aspetto del modello IRCP, in cui i reclamanti raccontano le loro esperienze, non è una piccola parte di ciò che offre. “Il programma è limitato ma utile”, ha detto. Per le vittime, “il vantaggio è la capacità di dire a due persone cosa è successo e per noi credere che stiano dicendo la verità. Dice alle vittime: “Non nascondersi più. È successo. Ti crediamo. ‘ ”

L’anno scorso, un ricorrente ha dichiarato all’IRCP di New York che, nei primi anni ’70, era stato abusato come un chierichetto da Theodore McCarrick. L’abuso è avvenuto nella sagrestia della Cattedrale di San Patrizio in due successivi Natali. McCarrick, che era nato e cresciuto a Manhattan, servì come segretario del cardinale Terence Cooke, arcivescovo di New York, per poi salire nella gerarchia sotto i quattro papi: fu fatto vescovo da Paolo VI; ha ospitato la visita di Giovanni Paolo II a Newark, nel 1995; ha aiutato a eleggere Benedetto XVI, nel 2005; e divenne un emissario fidato di Francesco, rappresentando la Chiesa in negoziati informali con la Cina e prendendo una mano nella selezione degli arcivescovi americani. Dal 2001 era stato cardinale e capo dell’arcidiocesi di Washington, DC. Durante la sua carriera episcopale, era stremato dai discorsi che faceva abitualmente i seminaristi sotto la sua supervisione a dormire nello stesso letto con lui. Quella storia fu mantenuta semi-repressa fino a quando l’ex chierichetto si fece avanti all’IRCP di New York Feinberg e Biros notificò il capo del consiglio dell’Arcidiocesi, che si recò dal Cardinale Dolan e avvisò il procuratore distrettuale di Manhattan. Dolan notificò il Vaticano e quindi iniziò un’indagine interna. Il comitato di revisione per gli abusi sessuali dell’arcidiocesi ha prodotto un rapporto che Dolan ha inviato a Roma. Dolan notificò il Vaticano e quindi iniziò un’indagine interna. Il comitato di revisione per gli abusi sessuali dell’arcidiocesi ha prodotto un rapporto che Dolan ha inviato a Roma. Dolan notificò il Vaticano e quindi iniziò un’indagine interna. Il comitato di revisione per gli abusi sessuali dell’arcidiocesi ha prodotto un rapporto che Dolan ha inviato a Roma.

“È stato il primo reclamo che abbiamo coinvolto un cardinale”, mi ha detto Biros. “E chiaramente i processi dovevano andare oltre un’indagine interna interna. E ‘venuto da noi, ed è stato un grosso problema, ed è andato su per la catena, fino in Vaticano “.

A giugno, quando il cardinaleDolan ha annunciato la rivendicazione “credibile e motivata” contro McCarrick, il cardinale Joseph Tobin, arcivescovo di Newark, ha rivelato che l’arcidiocesi di Newark e la più piccola diocesi di Metuchen avevano negoziato liquidazioni nel 2005 e 2007 con due ex seminaristi che sostenevano l’abuso di McCarrick, e che l’arcidiocesi era a conoscenza di un terzo. Nel frattempo, un avvocato dell’ex chierichetto di New York raccontò al Times la storia dell’accusatore poco dopo, un secondo accusatore si fece avanti e disse al Times un altro raccapricciante resoconto. McCarrick, un amico di famiglia che lo aveva battezzato da bambino, iniziò a molestarlo sessualmente nella sua adolescenza. Gli abusi continuarono per molti anni, che si svolgevano in case estive, un parcheggio in spiaggia, alberghi, rettori della cattedrale e un appartamento sull’Ospedale del Monte Sinai. Una foto che accompagnava l’articolo mostrava McCarrick, che aveva circa quarant’anni, e la sua vittima adolescente in costume da bagno, il braccio dell’uomo intorno alla vita del ragazzo. McCarrick era raggiante.

Una volta uscito il racconto, papa Francesco e la Congregazione vaticana per la dottrina della fede hanno risposto in modo decisivo. L’estate scorsa, McCarrick fu rimosso dal Collegio cardinalizio e fu esiliato in un convento del Kansas; all’inizio di quest’anno, è stato licenziato. Un episodio doloroso per la Chiesa, è stata una grande vittoria per l’IRCP. In un momento in cui era diventato assiomatico che la Chiesa non era in grado di controllarsi, un programma sponsorizzato dalla Chiesa aveva spinto l’arcidiocesi a riconoscere una verità che altrimenti avrebbe potuto ha continuato a ignorare. Il risultato ha anche avuto un vantaggio inaspettato per l’arcidiocesi, rafforzando la buona fede del cardinale Dolan: si era affermato come un ecclesiastico disposto a trasformarsi in un altro ecclesiastico per il bene maggiore.

Theodore McCarrick è ora solo un altro cattolico. La sua intera storia non è fuori, comunque.

“Ne abbiamo ancora qualcuna contro McCarrick,” mi disse Biros in modo sbrigativo.

Ho chiesto quanti.

“Penso di averne quattro o cinque.”

“Tutti i minori?”

“Un buon amico di Facebook che haiscoperto.”

“Sì.”

“Compresi i due che conosciamo?”

“Stai chiedendo di quei casi specifici? Che non posso rispondere Ma ce ne sono altri tre. Penso che abbiamo un totale di cinque. “(Biros ha detto che il programma aveva un totale di sette rivendicazioni contro McCarrick. Barry Coburn, l’avvocato di McCarrick, ha rifiutato di commentare).

I fascicoli dell’arcidiocesi sono soggetti all’esame del procuratore generale di New York e di Barbara Jones, un giudice e procuratore in pensione che il cardinale Dolan si è impegnato, a settembre, a rivedere le pratiche dell’arcidiocesi sull’abuso sessuale. Non importa quale sia il loro esame su McCarrick, è chiaro che Feinberg e Biros costrinsero la Chiesa ad agire contro un potente prelato che aveva protetto per decenni.

La risposta della Chiesa agli scandali di abusi ha avuto fin dall’inizio delle false partenze. “Per trent’anni, la Chiesa ha fatto un po ‘di questo e un po’ di quello”, mi ha detto James Marsh, un avvocato che ha rappresentato molte vittime degli abusi sessuali del clero. Gli scettici si chiedono se gli IRCP dimostreranno di essere solo un altro modo per la Chiesa di controllare le informazioni sugli abusi, ammettendo al contempo la minore colpevolezza possibile.

Gli abusi sessuali sacerdotali hanno avuto per la prima volta grande attenzione nel 1985, quando Jason Berry, un giornalista e un cattolico istruito dai gesuiti di New Orleans, riferì in modo approfondito sulla questione in Louisiana. Nel paese di Abbeville-Creole, Berry partecipò al processo contro padre Gilbert Gauthe, un prete della diocesi di Lafayette che aveva abusato sessualmente di dozzine di ragazzi per un decennio, mentre un vescovo che sapeva del suo comportamento lo trasferì semplicemente dalla parrocchia alla parrocchia .

A Washington, padre Thomas Doyle, assistente del nunzio pontificio, ha seguito il caso contro Gauthe e ha concluso che gli abusi sessuali sacerdotali erano più diffusi di quanto non si rendessero conto i vescovi statunitensi. Pochi mesi dopo, con un altro prete e un avvocato, Doyle ha prodotto un rapporto dal titolo “Il problema delle molestie sessuali da parte del clero cattolico”. Doyle da allora si è rivolto contro i vescovi e ha avuto una vivace seconda carriera come attivista e testimone esperto contro la Chiesa, ma all’epoca era un avvocato canonico che consigliava i vescovi su come affrontare una crisi imminente. Il rapporto descriveva gli abusi sacerdotali come “probabilmente il singolo problema più grave e di vasta portata che affligge oggi la nostra Chiesa”. Eppure il vero “problema” che identificava non era quello dei sacerdoti che abusavano sessualmente dei bambini;

Nel prossimo decennio e mezzo, la portata del problema divenne impossibile da minimizzare. All’inizio del 2002, il Boston Globe pubblicò la sua inchiesta ” Spotlight “, rivelando modelli di abuso che coinvolgevano almeno settanta sacerdoti e stabilendo che il cardinale Bernard F. Law ei suoi subordinati nell’arcidiocesi di Boston avevano ignorato gli avvertimenti e ripetutamente piazzarono preti abusivi nel raggio d’azione Di bambini. Il Cardinale Law ha cercato di trasformare la polemica in una dimostrazione della sua abilità nella gestione delle crisi. Ha promesso “tolleranza zero” a tali sacerdoti, ha visitato le parrocchie per scusarsi e ha promesso che l’arcidiocesi avrebbe cominciato “a rivedere il passato in modo sistematico e nel modo più completo possibile. “Ha detto che sperava che il suo approccio sarebbe” diventato un modello per come gestire questo problema “.

Nell’aprile del 2002, Law e gli altri arcivescovi cardinali americani si recarono a Roma per un “summit straordinario” sugli abusi sessuali sacerdotali, ospitato dal Papa. La “Nightline” dell’ABC ha dedicato un programma al summit, con il cardinale Theodore McCarrick, l’arcivescovo di Washington, come ospite. Ted Koppel gli ha chiesto se era contento di come erano andate le cose.

“Il mio-la mia speranza è che abbiamo girato l’angolo”, ha detto McCarrick. “I discorsi del Santo Padre di ieri, penso, hanno chiarito, come è stato il suo linguaggio, nessuno che possa fare del male ai bambini o ai giovani – sarà mai in grado di servire come sacerdote nella Chiesa. E penso che sia un-questa è una-una dichiarazione chiara. “

Ciò che McCarrick ha offerto non è una dichiarazione chiara. Era un’evasione furiosa. Ha fatto riferimento solo all’esempio di un chierico che “sta facendo del male” ai giovani nel presente (non a uno che lo ha fatto in passato), e si è riferito solo ai sacerdoti (non ai vescovi o agli arcivescovi). Cioè, formulò la sua risposta per escludere la grande maggioranza degli abusatori del clero, lui stesso prima di tutto.

Chiesto quando un reo poteva essere rimosso dal sacerdozio, McCarrick offrì qualcosa come un involontario mea culpa per crimini non ancora rivelati: “Se trent’anni fa, un giovane prete si innamorò di un diciassettenne e- e- e ha avuto una condotta scorretta, ed è stata l’ultima volta che è successo e tutto ha funzionato bene dopo, e la gente ha capito che l’aveva fatto e la gente dice: “Lo amiamo. Dagli un’altra possibilità. Sta bene da trent’anni, ‘allora, penso, lo daresti un’occhiata. “

In un incontro a Dallas, in giugno, i vescovi hanno adottato la “Carta per la protezione dei bambini e dei giovani”, affermando “un impegno per la trasparenza e l’apertura” e impegnandosi a rimuovere i sacerdoti “anche per un singolo atto di abuso sessuale di un passato minore, presente o futuro. “Hanno anche ingaggiato il John Jay College of Criminal Justice per condurre uno studio sugli abusi sessuali sacerdotali. Il suo rapporto, pubblicato nel febbraio 2004, ha presentato una raccolta di dati sulle accuse di abuso in quattro decenni. Più di un terzo riguardava la penetrazione o il sesso orale. Quasi un quarto riguardava l’abuso di bambini di dieci anni o più giovani. I vescovi hanno permesso ai sacerdoti più accusati di continuare nel ministero senza trattamento o disciplina. Il capo della conferenza episcopale all’epoca, Wilton D. Gregory, il vescovo di Belleville, Illinois, aveva nominato l’arcivescovo di Washington la settimana scorsa, presentando il rapporto in termini riduttivi e di protezione della Chiesa. “La storia terribile registrata qui è storia”, ha detto.

A livello nazionale, l’attenzione dei cattolici sull’abuso sacerdotale è stata segnalata. Papa Giovanni Paolo II, ottantatré e afflitto dal morbo di Parkinson, stava fallendo fisicamente, e l’urgenza del cambiamento all’interno della Chiesa negli Stati Uniti fu rimpiazzata dall’imminenza del cambiamento all’interno della Chiesa a Roma. Quando il Papa morì, nel 2005, i cattolici tradizionalisti lo chiamarono canonizzato, e lo fu, nel giro di otto anni. La sua indulgenza di padre Marcial Maciel-Legion of Christ fondatore, violentatore seriale di bambini, oggetto di denunce formali presentate e sepolte dal Vaticano nel 1998, era considerato un peccatuccio.

Oggi, due Papi dopo, i vescovi ritualmente invocano sia la Carta di Dallas che la relazione di John Jay come momenti trasformativi nella gestione dell’abuso da parte della Chiesa. Ma i vescovi non hanno fatto i conti con la domanda di restituzione sistematica o come gruppo; invece, hanno operato in modo patchwork, attraverso i loro vari programmi di compensazione e altri sforzi. E hanno rifiutato di affrontare il problema degli abusi sessuali sacerdotali in termini umani. Invece, hanno ripiegato sulla pratica che ha permesso ai preti abusivi di prosperare: affrontare il conflitto sessuale attraverso una miscela di pudore, eufemismo ed evasione. La Carta di Dallas non nominò un singolo atto di abuso, relegando il crimine stesso a una nota a piè di pagina sui “delitti” (termine latino usato dalla legge canonica per qualsiasi tipo di violazione). Il rapporto di John Jay, pieno di tabelle e totali,

Questa abitudine di evasione si è spostata nella posizione dei vescovi verso i loro programmi di riconciliazione e compensazione. I programmi sono espressamente progettati per suscitare i resoconti dei richiedenti di particolari atti di abuso. Non mettono alcuna restrizione sulla libertà dei richiedenti di parlare di ciò che i sacerdoti hanno fatto a loro. Camille Biros mi ha fatto notare che questo significa che i ricorrenti possono dire alla gente – inclusi i membri dei media – che i loro racconti di abuso “sono stati convalidati da un’entità indipendente e dalla stessa Chiesa”. Il cardinale Tobin, l’arcivescovo di Newark, mi ha detto che i programmi sono un mezzo “per le voci delle vittime che devono essere ascoltate da tutta la Chiesa”. Con gli IRCP, quindi, la Chiesa – che, nella Carta di Dallas, sedici anni fa, In genere si è sbarazzato delle clausole gag-sta prendendo credito per consentire ai sopravvissuti di esercitare il loro diritto a parlare e reclamizza tale diritto come beneficio dei programmi. Nel frattempo, Feinberg, Biros ei vescovi si rifiutano categoricamente di rispondere a particolari affermazioni che arrivano attraverso i programmi, tranne quando le accuse sono fatte contro i preti attivi.

Lo scorso ottobre, una denuncia di abusi sessuali fatta attraverso la New YorkL’IRCP ha portato alla partenza di John Jenik, un pastore del Bronx che era stato nominato vescovo ausiliario nel 2014. Sebbene il comitato di revisione dell’arcidiocesi abbia giudicato l’affermazione “credibile e motivata”, il cardinale Dolan, in una lettera pastorale che annunciava la partenza, si è La difesa di Jenik. Notò che “i presunti incidenti accaddero decenni fa” e che “questa era la prima volta che una simile accusa” era stata fatta contro Jenik, che insisteva per la sua innocenza e, suggeriva Dolan, non veniva rimosso ma si dimetteva volontariamente, “Sacerdote fedele che è.” Dell’abuso stesso, Dolan non disse nulla. Questo è toccato al sopravvissuto, Michael Meenan, che, in una conferenza stampa fuori dalla Cattedrale di St. Patrick, ha descritto Jenik che lo portava, da adolescente, a film X-rated, facendolo ubriacare,

Il rapporto di John Jay ha scoperto che molte vittime di abusi sessuali sacerdotali erano venuti a conoscere il loro futuro violentatore fuori dalla chiesa, spesso perché era un amico di famiglia. Questa è una verità ben nota ai cattolici americani. Per noi, l’abuso sessuale sacerdotale e la sua dissimulazione non sono un episodio della “storia” o un fenomeno sociologico. Fa parte della nostra storia personale.

Il padre di mio padre era un mercante di monumenti, che lavorava con i cimiteri nello stato di New York, e lo zio materno di mio padre, Robert F. Joyce, era il vescovo di Burlington, nel Vermont. Mio padre andò in un seminario cattolico e poi entrò nel servizio civile. Nel 1963, il vescovo Joyce, fresco di Roma e del Concilio Vaticano II, officiava il matrimonio dei miei genitori, nella chiesa di San Pietro, a Saratoga Springs. “Il giorno più felice della vita di tuo nonno, cioè con il vescovo sull’altare,” mi disse mio zio Bill. Mio zio Eddie, un chierichetto quel giorno, era meno felice nella Chiesa. Anni dopo, disse a sua sorella che padre Joseph DiMaggio, che insegnava nella scuola parrocchiale, gli aveva annusato il viso. Quando Eddie andò a casa e lo raccontò a suo padre, suo padre gli disse di non parlare più in quel modo di un prete.

La chiesa della mia infanzia, in un sobborgo di Albany, era oblunga, tappezzata e luminosa. Sconosciuto alla maggior parte di noi nella parrocchia, un prete che lavorava lì, Gary Mercure, era un molestatore sessuale: nel 2011, è stato condannato per aver violentato due ragazzi negli anni ’80, durante i viaggi nelle campagne del Massachusetts.

Quando mi iscrissi alla Fordham University, nel 1983, c’erano quasi un centinaio di gesuiti in residenza, e ne venni a conoscenza una dozzina, di età compresa tra un professore inglese settantenne che stava salvando ” Finnegans Wake ” per Heaven to the baby Jebbies “, ventenni. Come alunno, mi sono offerto volontario in un centro di comunità cattolico gestito da padre Joseph Towle, SJ, nel South Bronx. Padre Towle era un prete di strada, ordinato e assurdo nei suoi neri clericali. In seguito fu accusato di abusare di un ragazzo nel 1971.

Durante il mio ultimo anno, ho avuto un incontro più diretto con gli abusi sacerdotali. Ero caduto sotto l’incantesimo di Thomas Merton, l’autore di ” The Seven Storey Mountain“E altri libri di spiritualità cattolica, fondati sulla disciplina del silenzioso auto svuotamento chiamato contemplazione. Quando ho visto un volantino per un ritiro del sabato dedicato a Merton, guidato da padre Edward Zogby, SJ, mi sono iscritto. Poco dopo il ritiro, Zogby si offrì di guidarmi in direzione spirituale, una tradizione gesuita vecchia di secoli. Ho accettato, e dopo ci siamo incontrati settimanalmente, la sera. Aveva cinquanta, grandi e calvi, e indossava una camicia e una cravatta color oxford piuttosto che un completo nero e un colletto romano. Chiudeva la porta dell’ufficio, mi abbracciava e versava due Scotch mentre parlavamo. Ha parlato del suo desiderio di combinare la contemplazione con il “lavoro sul corpo” di Werner Erhard. Ha detto che molti “noi cattolici” hanno avuto problemi a integrare spirito e corpo, e che ci sono voluti anni per lavorare su queste cose. Chiudemmo gli occhi e pregammo fianco a fianco nel piccolo ufficio. “Non era buono?” Chiedeva prima che me ne andassi. Per me era chiaro dove andavano le cose, ma a padre Zogby piaceva dire che il primo passo nella vita contemplativa stava lasciando andare i preconcetti e le aspettative – così ho messo da parte i miei sospetti.

Un lunedì di marzo-St. Il giorno di Patrick, 1986, mi incontrai di nuovo con padre Zogby, e quella sera mi invitò a una cena in una comunità dei gesuiti del West Side, sulla Novantottesima strada. Per una volta, altre persone sarebbero in giro. Ho detto che sarei andato. Uno scotch, una preghiera, un altro scotch. Quando arrivai alla festa, un po ‘ubriaco, mi sedetti su una poltrona lontano dagli altri ospiti e sonnecchiai. Mi sono svegliato con padre Zogby chinato su di me, respiro scotchy e vicino, mani che avanzano-collo, braccia, petto, pene. Mi alzai e andai velocemente alla metropolitana. Non l’ho mai più incontrato.

Sono stato sposato alla St. Patrick’s Old Cathedral, in Mott Street, nel 1999. Il celebrante, Keith Fennessy, era amico di un amico; aveva servito nella parrocchia di St. Gabriel nel North Bronx, dove la mia fidanzata era cresciuta. Padre Fennessy era intelligente, divertente, chiaramente cattolico, ma non ipocrita o condiscendente verso le donne. È stata una sorpresa quando, sedici anni dopo, l’arcidiocesi lo ha rimosso dal ministero pubblico, dicendo che aveva scaricato materiale pornografico su un computer parrocchiale.

A Roma, nel 2005, riferendo sul Vaticano, ho avuto una granita al caffè a Trastevere con il cardinale George Pell, l’arcivescovo di Sydney (recentemente condannato per aver abusato sessualmente di due minori nella cattedrale di St. Patrick a Melbourne); pranzato con un prete gesuita accusato di condotta inappropriata nei confronti di uno studente adolescente prima di aderire all’ordine; e ha avuto una lunga intervista con il cardinale McCarrick al Pontificio Collegio del Nord America, la scuola di finitura per ambiziosi chierici americani in divenire. Era una vacanza in Italia, ei seminaristi non avevano classi. “Sediamoci qui, vicino alla finestra, così possiamo guardare i ragazzi giocare a baseball mentre parliamo”, ha detto McCarrick.

Sono otto chierici accusati di cattiva condotta sessuale nella mia esperienza personale – otto su duecento preti che ho conosciuto. Otto su duecento rappresentano il quattro per cento, che corrisponde alla percentuale di sacerdoti che sono stati accusati, secondo il rapporto di John Jay. Il fatto che la mia esperienza sia tipica non lo rende meno inquietante.

contributo di Paul Elie

FONTE

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.