La sorte del Ministro dell’Interno in balia dei 5 Stelle.

Per favore non scherziamo, che sia la piattaforma telematica a decidere se i senatori 5 Stelle debbano mandare Salvini sotto processo o meno, non sta ne in cielo ne in terra, ancor più grave, è una mancanza di rispetto nei confronti del Ministro in questione e dei Senatori.

Il Movimento 5 Stelle non ha il coraggio di decidere una cosa che è già stata decisa dal Primo Ministro Conte nel momento in cui si è assunto la responsabilità dell’azione di Governo. Il momento politico che il movimento  sta attraversando non è dei migliori, gli italiani vedono e  giudicano i loro continui rifiuti su qualsiasi progetto venga proposto e  mentre i loro consensi calano, quelli della Lega crescono.

Per porre rimedio alla emoraggia dei voti, il Movimento non deve attaccare Salvini, ma semplicemnte essere più accomodante sulle scelte che servono al Paese, soprattutto quelle che creano lavoro e che sono di assoluto buon senso,

Gli Italiani non meritano tanta incertezza, quindi sarebbe auspicabile che da quelle urne telematiche uscisse un bel “no” al processo del Ministro dell’Interno, anche perchè le conseguenze potrebbero essere imprevedibili e il paese non si può certo permettere di avere un altro tecnico come premier, (un nome a casa.. Draghi), visto che il Presidente Mattarella non ha nessuna intenzione di mandarci  ad elezioni anticipate.

Manuela Valletti

 

THEMILANER

foglio informativo dell'associazione e d'opinione dell'associazione Milano Metropoli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.